Made In Fiat

Ciao! Hemm, scusa il disturbo, è che volevo darti il benvenuto nel nostro piccolo forum!

Siamo felici che tu sia riuscito a trovarci e saremmo ancora più felici se tu volessi unirti a noi per condividere la tua passione per le storiche vetture FIAT!

A già, dimenticavo, sappi che per poter visualizzare alcune immagini, si deve obbligatoriamente essere registrati (per questioni di privacy, sai....)

Questo è uno spazio libero e gratuito, e TUTTI sono i benvenuti, anche tu!!
E allora, vuoi essere dei nostri? Bene!! Che aspetti?? REGISTRATI!

Clicca su "Connessione" per raggiungere i forumisti (solo se già registrati);
Clicca su "Registrazione" per entrare a far parte del Forum;
Clicca su "Non esporre più" per eliminare questa finestra.

PS: Puoi anche accedere usando il tuo account di Facebook, tramite l'apposito pulsante!

ATTENZIONE!
Una volta inoltrata la richiesta di registrazione, vi preghiamo di mandare una mail a - amministrazione@madeinfiat.net - con scritto: CONFERMARE REGISTRAZIONE DI (NOME UTENTE)!
Se tale mail non dovesse arrivare, l'account NON verrà attivato.

Dimenticavo, se poi non ti registri, noi certo non c'è la prendiamo, però se ci trovi interessanti, spargi la voce! Almeno questo piccolo favore c'è lo potresti fare, vero ?? Wink

CIAO!
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Welcome at the forum on Fiat sedans from 1960 to 1980!
Click on "Connessione" to reach the forums,
Click on "Registrazione" to join the Forum,
Click on "Non esporre più" to eliminate this window.

You can also access your account through Facebook, using the appropriate button!

Made In Fiat

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Made In Fiat

Il forum dedicato a tutti gli appassionati, possessori, simpatizzanti e innamorati delle auto FIAT!

FIAT: Chi la ama .... si iscrive qui!
Forum dedicato alla memoria di E. Lorenzoni
Si avvisano gli utenti e i visitatori, che, in caso di problemi di qualsiasi natura, è disponibile un indirizzo mail per aiutarvi; scrivete a sos@madeinfiat.net ! faremo il possibile per rispondere quanto prima al vostro quesito!
Informiamo i gentili visitatori, che per motivi di privacy non sarà possibile visualizzare foto o link all'interno degli argomenti. Per una visione totale dei contenuti, basta registrarsi al Forum. (operazione del tutto gratuita)
...Il forum vive dell'amore, del tempo e della passione che tutti NOI gli dedichiamo....
Siamo piccoli, ma noi di MADE IN FIAT, pensiamo in GRANDE!
Onde evitare doppioni dei post, e per tenere sempre efficiente ed ordinato il forum , vi preghiamo di usare la funzione RICERCA AVANZATA. Grazie.
Il tuo viaggio nel forum COMINCIA QUI!
Ora, Made in Fiat, lo trovate anche su FACEBOOK! Clicca "Mi Piace" e seguici sul famoso Social Network. Ti aspettiamo!
Ora, Made in Fiat, lo trovate anche su Google+! Fai "+1" sulla nostra pagina social di Big G! A presto!

Made in Fiat ci piace!

Pubblicità

Link Amici

Di seguito, i nostri siti amici!

REGISTRO FIAT
REGISTRO FIAT ITALIANO

MILLECENTO CLUB

RITMO CLUB

G.A.S. CLUB
Club Gorizia Automoto Storiche

X1/9 CLUB
Club Nazionale X1/9

KADETT.IT
KADETT.it

T.E.A.M.S. FRIULI
Team Epoca Auto Moto Sport Friuli

SEI PUNTO CINQUE
Seipuntocinque

Pubblicità

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mar Apr 14, 2020 7:46 pm

Ho accennato qualcosa sulla Peugeot 104 che ritengo un'utilitaria alquanto di classe .........ma riflettendoci.....cosa faceva di una utilitaria una vettura "di classe"??? SOlo il gradimento del pubblico femminile?? Il fatto che potesse diventare una seconda auto??? In casa Fiat ad esempio è molto più "di classe" la 126 della 500 a mio parere........anche perchè 500 ha rappresentato la vettura di punta nel boum della grande motorizzazione........126 poteva assumere in modo migliore il ruolo di seconda auto


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mar Apr 14, 2020 9:36 pm

La 126 di classe? Boh....la Peugeot 104 di classe? Mah! Cosa dovrei dire allora di una Autobianchi A112 Elegant o Elite? Che è una Rolls Royce al confronto?
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mar Apr 14, 2020 9:54 pm

Gusti sono gusti, ma la 104 berlina non mi è mai piaciuta. Chissa perché... La R5 era sicuramente più ferma, più femminile, ma più silenziosa, più moderna ma assai più simpatica.

La coupé invece mi era più simpatica ma la consideravo quasi come un altra macchina...
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mar Apr 14, 2020 10:03 pm

Utilitaria per utilitaria, preferisco la Dyane. Semplice, economica, sfiziosa, adatta alle donne! Anzi, particolarmente femminile come auto, specialmente in alcune versioni speciali coma la Caban (HFintegrale e 131A000, sapete di cosa parlo vero??) che sembrava fatta apposta per esaltare il fascino di una bella ragazza bionda in jeans.
karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mar Apr 14, 2020 10:24 pm

Beh decisamente l'A112 è molto più elegante......e anche la Dyane non scherza


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mar Apr 14, 2020 10:31 pm

karme70 ha scritto:Beh decisamente l'A112 è molto più elegante......e anche la Dyane non scherza
Beh, in eleganza la A112 è in effetti un'altra cosa rispetto alla Dyane. Però è per donne in gonna, un po' chic e soprattutto aderenti a un protocollo comportamentale definito. E magari sui trent'anni. La Dyane è "l'auto in jeans", da ragazze ventenni in jeans attillati, libere, disinibite e un po' ribelli.
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mar Apr 14, 2020 10:51 pm

Io ho l'occhio francese verso la Dyane che non ha sopravvissuto a chi doveva sostituire. Per me era una coppia inferiore all'originale...
La 2CV era proprio l'anima della campagna francese, la macchina del prete o del paesano. La dyane era più di città ma sapeva troppo di 2CV, allora le donne di città gli preferivano le straniere, mini o 500 che siano.

In Italia invece la Dyane ha riscontratto successo, non c'era lo stesso background storico della 2CV...
avatar
Silvano Maiolatesi
2000 Volumex : Fate largooo!!
2000 Volumex : Fate largooo!!

Messaggi : 476
Punti : 564
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 02.06.19

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Silvano Maiolatesi il Mar Apr 14, 2020 10:58 pm

Come la 2cv Charlestone nel film "Il ragazzo di campagna" con Pozzetto....
Comunque per me queste non sono auto "di classe", ci vuole ben altro, deve essere un'auto elegante, rifinita con materiali di pregio come le alto di gamma e super accessoriate, oggi lo potrebbe essere una Lancia Y oppure una Mini, le prime che mi vengono in mente.
karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mar Apr 14, 2020 11:08 pm

131A000 ha scritto:Io ho l'occhio francese verso la Dyane che non ha sopravvissuto a chi doveva sostituire. Per me era una coppia inferiore all'originale...
La 2CV era proprio l'anima della campagna francese, la macchina del prete o del paesano. La dyane era più di città ma sapeva troppo di 2CV, allora le donne di città gli preferivano le straniere, mini o 500 che siano.

In Italia invece la Dyane ha riscontratto successo, non c'era lo stesso background storico della 2CV...

Molto molto interessante questa considerazione di 131A.000........in effetti in Francia era più facile trovare similitudini fra 2cv e Dyane...proprio in questo senso, prima 2cv poi Dyane....anche perchè di 2cv ne avevano vendute molte di più ed erano entrate nell'immaginario collettivo un pò come da noi le 500. Nello stesso periodo da noi la prima 2 CV ha avuto una diffusione minore....e forse si è verificato l'effetto contrario: cioè prima è venuta la Dyane, con le caratteristiche decantate da Opera 18 (auto giovanile, disinibita ) e successivamente le serie speciali della 2CV hanno vissuto di riflesso il successo giovanile della Dyane. Quindi entrambe le auto hanno avuto un destino ed una destinazione diversa in base ai mercati di commercializzazione !!!


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mar Apr 14, 2020 11:10 pm

Difatti 2CV e Dyane non erano di classe. Giustissimo il commento di 131A000 quando dice che in Italia non c'era lo stesso background che invece faceva la differenza tra 2CV e Dyane in Francia. Da noi la pubblicià dell'epoca definiva la Dyane come l'auto in jeans, un fattore di moda che ben si addiceva ai giovani. La 2CV a partire dagli anni '80 prese in Italia il posto che prima era della Dyane, ma con una differenza: era l'auto un po' chic di chi non aveva fretta. Era l'espressione di una filosofia di vita piuttosto che un'automobile. E in questo somigliava alla Dyane di una decina d'anni prima, che era l'auto dei sessantottini.
avatar
Silvano Maiolatesi
2000 Volumex : Fate largooo!!
2000 Volumex : Fate largooo!!

Messaggi : 476
Punti : 564
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 02.06.19

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Silvano Maiolatesi il Mar Apr 14, 2020 11:36 pm

A metà degli anni '70 anche la Renault cercò di imitare la Citroen con la R4 Safari, un mio compagno di scuola al termine dei 18 anni ne prese una nuova azzurra con le strisce nere ed interni in tessuto dai colori particolari, mentre un'altro acquistò la 2cv Spot (se l'avesse conservata, oggi si ritroverebbe un tesoretto!).
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mer Apr 15, 2020 8:12 am

Infatti, tra scelte pubblicitarie e cultura automobilistica del paese, uno stesso modello puo' essere considerato del tutto diversamente. Ad esempio, fine anni 90 quando mi trasferivo per lavoro, noleggiavo spesso macchine in aeroporto in Italia e Germania. Prendevo sempre il segmento B che era punto, corsa, clio o fiesta che sia...

IN Italia: "mi spiace ma non ci sono più macchine disponibili, vi offriamo una upper class gratis, una Smart!!!" Ma come una Smart? Segmento superiore? Dammi una Bravo, un Astra, una Focus no... E poi me la fecevo adosso ad ogni rotonda presa a velocità normale, che stava sempre per sbandare...

In Germania: "spiacenti, possiamo proporre a metà prezzo quel cesso di smart, se l'accetta ci fà un piacere che qui vogliono tutti il Mercedes come compenso, seno' scrivono alla direzione..."
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mer Apr 15, 2020 9:17 am

Incredibile! La Smart spacciata per upper class. Roba da non credere!
karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mer Apr 15, 2020 11:09 am

Opera18 ha scritto:Difatti 2CV e Dyane non erano di classe. Giustissimo il commento di 131A000 quando dice che in Italia non c'era lo stesso background che invece faceva la differenza tra 2CV e Dyane in Francia. Da noi la pubblicià dell'epoca definiva la Dyane come l'auto in jeans, un fattore di moda che ben si addiceva ai giovani. La 2CV a partire dagli anni '80 prese in Italia il posto che prima era della Dyane, ma con una differenza: era l'auto un po' chic di chi non aveva fretta. Era l'espressione di una filosofia di vita piuttosto che un'automobile. E in questo somigliava alla Dyane di una decina d'anni prima, che era l'auto dei sessantottini.

Infatti si è beccato punto reputazione …..mi ha fatto riflettere su come anche i tempi di commercializzazione di diversi modelli possono offrire un connotato diverso a quel modello nei diversi mercati...veramente un commento importante


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
HFintegrale
HFintegrale
3200cc : La sostanza, innanzitutto!
3200cc : La sostanza, innanzitutto!

Maschio Messaggi : 1147
Punti : 1409
Reputazione : 79
Data d'iscrizione : 27.10.19
Età : 46
Località : (Francia Meridionale-Costa Azzurra)
Umore : Tranquillo.

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da HFintegrale il Mer Apr 15, 2020 11:27 am

Visto che stiamo parlando della Citroën 2cv .... ecco una foto risalente agli anni cinquanta :

Una tranquilla famigliola francese con l’instancablle 2cv !!

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
HFintegrale
HFintegrale
3200cc : La sostanza, innanzitutto!
3200cc : La sostanza, innanzitutto!

Maschio Messaggi : 1147
Punti : 1409
Reputazione : 79
Data d'iscrizione : 27.10.19
Età : 46
Località : (Francia Meridionale-Costa Azzurra)
Umore : Tranquillo.

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da HFintegrale il Mer Apr 15, 2020 11:30 am

Qui abbiamo la versione furgoncino della Citroën 2cv Tipo AU [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mer Apr 15, 2020 12:48 pm

E qui abbiamo la prova di cui diceva 131A000.....i francesi hanno conosciuto la 2cv sotto un'ottica molto "popular" che ha in parte offuscato la celebrità della futura DYane. Un po' quello che è successo per i ciclomotori con il Ciao: non aveva sti grandi contenuti tecnici...ma un buon prezzo e quell'immagine da motorino dei "fighetti" che ne ha fatto la fortuna. Ciclomotori ben più prestanti e rifiniti sono finiti nell'ombra


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mer Apr 15, 2020 2:02 pm

Opera18 ha scritto:Incredibile! La Smart spacciata per upper class. Roba da non credere!

Infatti succedeva solo in Italia, veniva considerata come premium! Quando eri fermo al semaforo, tutti ti guardavano come se avessi l'ultima Aston Martin. Almeno che io e il mio collega allora giovani incravattati sembravamo 2 finocchi, non l'abbiamo mai saputo ma ameno ci siamo fatti qualche risata...
Opera18
Opera18
Utente Famoso: Livello 4
Utente Famoso: Livello 4

Femmina Messaggi : 2475
Punti : 3078
Reputazione : 354
Data d'iscrizione : 01.03.15

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Opera18 il Mer Apr 15, 2020 2:05 pm

Non dimentichiamo una cosa molto importante per capire la 2CV. La 2CV nasce come progetto prima della guerra per essere la risposta francese al Maggiolino tedesco. Un'auto popolare, che doveva motorizzare i grancesi.
Sospensioni morbidissime per permettere al contadino di trasportare, lungo stradine sconnesse di campagna, il paniere con le uova senza che si rompessero. Doveva essere semplice per essere affidabile, di ridotta cilindrata per avere costi fissi limitati, insomma,erano i presupposti che lo stesso André Citroën aveva fissato come obiettivi di progetto. Quindi la 2 CV nasce come vettura popolare, diventa chic negli anni '80, quando il concetto di popolare si era fatto completamente diverso.
"Quattro ruote con un ombrello": questo era, in estrema sintesi, il concetto con cui fu impostata la 2CV. La frase è di André Citroën.
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mer Apr 15, 2020 2:11 pm

karme70 ha scritto:E qui abbiamo la prova di cui diceva 131A000.....i francesi hanno conosciuto la 2cv sotto un'ottica molto "popular" che ha in parte offuscato la celebrità della futura DYane. Un po' quello che è successo per i ciclomotori con il Ciao: non aveva sti grandi contenuti tecnici...ma un buon prezzo e quell'immagine da motorino dei "fighetti" che ne ha fatto la fortuna. Ciclomotori ben più prestanti e rifiniti sono finiti nell'ombra

Hai centrato, la Dyane non è mai riuscita a suscitare la simpatia della sua antenata. Aveva più successo con gli hippies che con la gente popolare che cercava una macchina rustica e pratica. Chi voleva salire di gamma andava su le Ami.
karme70
karme70
Team
Team

Maschio Messaggi : 22980
Punti : 24203
Reputazione : 511
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Trento

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da karme70 il Mer Apr 15, 2020 2:20 pm

Ti ringrazio della riflessione che ci hai fatto fare …….in quanto alla Ami mai e poi mai l'avrei vista come vettura di gamma superiore….anzi


_________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Silvano Maiolatesi
2000 Volumex : Fate largooo!!
2000 Volumex : Fate largooo!!

Messaggi : 476
Punti : 564
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 02.06.19

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Silvano Maiolatesi il Mer Apr 15, 2020 2:37 pm

La Ami era di una gamma superiore alla 2cv, ma non era vista con simpatia come quest'ulltima, anzi per molti, me compreso, era solo un brutto anatroccolo, specie la prima serie con lunotto invertito.
ale67
ale67
1800cc : Adesso si che si ragiona!
1800cc : Adesso si che si ragiona!

Maschio Messaggi : 283
Punti : 374
Reputazione : 70
Data d'iscrizione : 30.03.13
Età : 52
Località : Ferrara
Umore : Sereno-Variabile

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da ale67 il Mer Apr 15, 2020 2:40 pm

Penso che Autobianchi per almeno tre decenni sia stata molto abile ad assecondare il gusto e la voglia di qualcosa di esclusivo degli automobilisti, creando piccole utilitarie caratterizzate da dettagli e finiture che le rendevano "di classe", destinate a chi desiderava distinguersi dalla massa.
Anche le pubblicità enfatizzavano questa caratteristica...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]






Smile
avatar
Silvano Maiolatesi
2000 Volumex : Fate largooo!!
2000 Volumex : Fate largooo!!

Messaggi : 476
Punti : 564
Reputazione : 83
Data d'iscrizione : 02.06.19

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Silvano Maiolatesi il Mer Apr 15, 2020 3:09 pm

E' proprio vero, l'Autobianchi ha cercato di produrre vetture di classe più elevata rispetto alle Fiat dalle quali prendeva la meccanica, non dimentichiamoci della A111 molto più elegante e rifinita rispetto alla Fiat 124, oltre ad avere il motore trasversale e la trazione anteriore. Molto indovinata la pubblicità della Y10 che ha contribuito al successo della vettura, ed alcune versioni come la Martini e la Turbo oggi hanno quotazioni in continua ascesa.
131A000
131A000
Utente Famoso: Livello 5
Utente Famoso: Livello 5

Maschio Messaggi : 2808
Punti : 3111
Reputazione : 193
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 49
Località : Normandia - Francia

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da 131A000 il Mer Apr 15, 2020 4:57 pm

Silvano Maiolatesi ha scritto:La Ami era di una gamma superiore alla 2cv, ma non era vista con simpatia come quest'ulltima, anzi per molti, me compreso, era solo un brutto anatroccolo, specie la prima serie con lunotto invertito.

infatti, l'AMI6 veniva piuttosto chiamata 3CV cio' che naturalmente la posizionava sopra la 2CV... ma non sotto la 4 CV della Renault in quanto più abitabile. Solo l'AMI8 è riuscita a popolarizzare il nome AMI, almeno nelle mie parti....


Contenuto sponsorizzato

Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe" Empty Re: Come faceva un'utilitaria a diventare di "classe"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Gio Lug 16, 2020 6:01 pm