Made In Fiat

Ciao! Hemm, scusa il disturbo, è che volevo darti il benvenuto nel nostro piccolo forum!

Siamo felici che tu sia riuscito a trovarci e saremmo ancora più felici se tu volessi unirti a noi per condividere la tua passione per le storiche vetture FIAT!

A già, dimenticavo, sappi che per poter visualizzare alcune immagini, si deve obbligatoriamente essere registrati (per questioni di privacy, sai....)

Questo è uno spazio libero e gratuito, e TUTTI sono i benvenuti, anche tu!!
E allora, vuoi essere dei nostri? Bene!! Che aspetti?? REGISTRATI!

Clicca su "Connessione" per raggiungere i forumisti (solo se già registrati);
Clicca su "Registrazione" per entrare a far parte del Forum;
Clicca su "Non esporre più" per eliminare questa finestra.

PS: Puoi anche accedere usando il tuo account di Facebook, tramite l'apposito pulsante!

ATTENZIONE!
Una volta inoltrata la richiesta di registrazione, vi preghiamo di mandare una mail a - amministrazione@madeinfiat.net - con scritto: CONFERMARE REGISTRAZIONE DI (NOME UTENTE)!
Se tale mail non dovesse arrivare, l'account NON verrà attivato.

Dimenticavo, se poi non ti registri, noi certo non c'è la prendiamo, però se ci trovi interessanti, spargi la voce! Almeno questo piccolo favore c'è lo potresti fare, vero ?? Wink

CIAO!
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Welcome at the forum on Fiat sedans from 1960 to 1980!
Click on "Connessione" to reach the forums,
Click on "Registrazione" to join the Forum,
Click on "Non esporre più" to eliminate this window.

You can also access your account through Facebook, using the appropriate button!
Made In Fiat

Il forum dedicato a tutti gli appassionati, possessori, simpatizzanti e innamorati delle auto FIAT!

FIAT: Chi la ama .... si iscrive qui!
Forum dedicato alla memoria di E. Lorenzoni
Si avvisano gli utenti e i visitatori, che, in caso di problemi di qualsiasi natura, è disponibile un indirizzo mail per aiutarvi; scrivete a sos@madeinfiat.net ! faremo il possibile per rispondere quanto prima al vostro quesito!
Informiamo i gentili visitatori, che per motivi di privacy non sarà possibile visualizzare foto o link all'interno degli argomenti. Per una visione totale dei contenuti, basta registrarsi al Forum. (operazione del tutto gratuita)
...Il forum vive dell'amore, del tempo e della passione che tutti NOI gli dedichiamo....
Siamo piccoli, ma noi di MADE IN FIAT, pensiamo in GRANDE!
Onde evitare doppioni dei post, e per tenere sempre efficiente ed ordinato il forum , vi preghiamo di usare la funzione RICERCA AVANZATA. Grazie.
Il tuo viaggio nel forum COMINCIA QUI!
Ora, Made in Fiat, lo trovate anche su FACEBOOK! Clicca "Mi Piace" e seguici sul famoso Social Network. Ti aspettiamo!
Ora, Made in Fiat, lo trovate anche su Google+! Fai "+1" sulla nostra pagina social di Big G! A presto!

Made in Fiat ci piace!

Pubblicità

Link Amici

Di seguito, i nostri siti amici!

REGISTRO FIAT
REGISTRO FIAT ITALIANO

MILLECENTO CLUB

RITMO CLUB

G.A.S. CLUB
Club Gorizia Automoto Storiche

X1/9 CLUB
Club Nazionale X1/9

KADETT.IT
KADETT.it

T.E.A.M.S. FRIULI
Team Epoca Auto Moto Sport Friuli
LA SERIE PICCOLA

Pubblicità

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Il segreto dei cinesi

Condividere
avatar
karme70
Team
Team

Maschile Messaggi : 21052
Punti : 22236
Reputazione : 368
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 46
Località : Trento

Il segreto dei cinesi

Messaggio Da karme70 il Mar Ott 19, 2010 8:27 pm

Promemoria primo messaggio :

Non sono razzista e ben venga chi viene in Italia a lavorare ma oggi, FINALMENTE , a Venezia si è aperto un filone d'inchiesta per capire dove i cinesi prendono tutti questi soldi per comprare case, negozi, licenze e per capire se pagano le tasse!!!
Adesso mi vengono a dire che loro lavorano in settori dove gli italiani non lavorano più perchè si accontentano di margini più ristretti......ma se si accontentano di margini più ristretti..dove le prendono centinaia di migliaia di euro per comprare in CONTANTI appartamenti , attività , licenze????????????? Ne abbiamo visti di immigrati da ogni regione del globo ma che arrivassero a comprarsi interi quartieri non si era mai visto prima .......ma sanno cos'è lIVA, sanno cosa sono le tasse, a chi si versano , quando , quante volte in un anno, le regole del lavoro, della prevanzione degli infortuni (cose con cui a noi italiani stanno facendo una testa come un melone ) ! io sono convinto che non sanno nulla e fanno finta di non capire....e quello che mi fa più incazzare è che se porti in banca 200 euro che ti hanno regalato al tuo matrimonio il cassiere ti fa notare che la banca potrebbe indagare sull'origine di quei soldi...loro girano con MAZZI da 500 euro in tasca, con cui propongono transazioni di case e attività POSSIBILMENTE IN NERO (ma guarda caso !!!!!!!!!!!!!!!!!!!! qui a Trento ormai comprano solo loro e tutto e possibilmente senza fatturare nulla ) e nessuno dice o fa loro nulla ....SE LA LEGGE C'E' E VALE PER TUTTI DEVE VALERE ANCHE PER CHI VIENE A LAVORARE IN ITALIA VIVA DIO !!!!!!!! QUANDO ENTRERANNO NEL SISTEMA VOGLIO VEDERE COME FANNO ANCORA I CONCORRENZIALI!

e aggiungo un'altra cosa in merito ai prezzi pazzi della rubrica "annunci da ridere" : se quelle auto valessero veramente quello che viene richiesto dai padroni i primi a offrire sarebbero proprio i ricchi cinesi Very Happy


_________________________
avatar
michele131cl
Utente Famoso: Livello 3
Utente Famoso: Livello 3

Maschile Messaggi : 1846
Punti : 2414
Reputazione : 196
Data d'iscrizione : 09.09.09
Età : 34
Località : Barletta

Re: Il segreto dei cinesi

Messaggio Da michele131cl il Mar Feb 28, 2017 12:46 pm


il costo del lavoro In Cina le tute blu guadagnano più dei compagni in Brasile e Messico Salari orari medi della manifattura cinese triplicati in dieci anni mentre scendono in America Latina e nel Sud dell’Europa] il costo del lavoro
In Cina le tute blu guadagnano
più dei compagni in Brasile e Messico
Salari orari medi della manifattura cinese triplicati in dieci anni mentre scendono in America Latina e nel Sud dell'Europa

Era la Fabbrica del Mondo a basso costo. Ora invece gli operai cinesi della manifattura guadagnano più dei compagni lavoratori di Brasile, Messico, Argentina. Sono a un passo dal raggiungere i salari di greci e portoghesi. Non lo dice il Partito comunista cinese per galvanizzare le masse operaie, ma Euromonitor International, società londinese specializzata in analisi strategiche del mercato globalizzato, in uno studio ripreso dal Financial Times.
I numeri: tra il 2005 e il 2016 i salari per i lavoratori della manifattura cinese si sono triplicati arrivando a 3,60 dollari all’ora in media. Negli stessi dieci anni la paga oraria dei brasiliani è scesa da 2,90 dollari a 2,70; da 2,20 a 2,10 in Messico (ecco perché le case automobilistiche vanno a Sud del Rio Grande facendo infuriare Donald Trump).
La paga oraria media offerta dalle catene di montaggio in Cina equivale ormai al 70 per cento di quella in Grecia e Portogallo: i portoghesi sono scesi da 6,30 dollari nel 2005 a 4,50 dollari nel 2016. È l’effetto devastante della grande crisi finanziaria partita dagli Stati Uniti nel 2008.
Il balzo della produttività

L’aumento del costo del lavoro nella manifattura cinese è legato alla produttività migliorata in modo impressionante, al punto da renderla ormai quasi equivalente a quella occidentale. Le tute blu guadagnano più dei lavoratori di altri settori produttivi in Cina: infatti il salario medio di tutti i settori, considerando per esempio anche l’agricoltura e l’edilizia, è arrivato a 3,30 dollari l’ora.
Il pendolo della delocalizzazione

Questa storia di successo delle paghe nell’industria manifatturiera cinese però presenta anche un rischio: il costo del lavoro industriale in Cina supera di molto ormai quello di altri rivali nel Sud Est asiatico, dalla Thailandia al Vietnam all’Indonesia e il pendolo della delocalizzazione è destinato a spostarsi verso queste nuove frontiere del basso costo. Anche per questo la Cina è impegnata in un enorme sforzo di riforma e riequilibrio dell’economia, da Fabbrica del Mondo sostenuta dalle esportazioni di prodotti a società matura di consumi interni.

La guerra alla povertà

Interessante anche leggere i giornali cinesi proprio oggi: in prima pagina (su ispirazione della potente agenzia statale Xinhua che li rifornisce e guida tutti) la «guerra alla povertà» di cui continua a parlare il presidente Xi Jinping. Serve un ultimo assalto per strappare alla linea di povertà 55,7 milioni di cinesi che sopravvivono con 2300 yuan all’anno, un dollaro al giorno. Xi dice che bisogna centrare l’obiettivo di sradicare questa grande sacca di povertà, concentrata soprattutto in remote zone rurali, entro il 2020, per centrare l’obiettivo di «una società moderatamente prospera».
Quando Xi impugnava la zappa

La Xinhua ha rilanciato una foto del 1989, quando il giovane Xi Jinping era ancora solo un promettente segretario di partito a Ningde nel povero Fujian (dal quale sono venuti moltissimi degli immigrati in Italia tra l’altro): «Il futuro segretario generale guida con la zappa in mano una colonna di mille quadri locali di partito impegnati a bonificare un canale di irrigazione», recita la didascalia. Xi era stato mandato in campagna come «giovane istruito bisognoso di rieducazione da parte dei contadini più poveri» nel 1969, sedicenne durante la Rivoluzione Culturale di Mao. Di quel periodo ora i giornali rilanciano un suo ricordo: «Mi ritrovai a fare agevolmente diversi chilometri a piedi in montagna ogni giorno, trasportando sulle spalle, in equilibrio sul bastone dei portatori, 50 chili di peso».
Lo studio di Euromonitor si basa su dati dell’Ilo (International Labour Organisation), Eurostat e ufficio statistico cinese e converte i salari in dollari aggiustati all’inflazione. I dati però non considerano i differenti costi della vita.


http://www.corriere.it/esteri/17_febbraio_27/cina-tute-blu-guadagnano-piu-compagni-brasile-messico-8092029a-fccf-11e6-9c89-9070badc174c.shtml
avatar
karme70
Team
Team

Maschile Messaggi : 21052
Punti : 22236
Reputazione : 368
Data d'iscrizione : 04.09.09
Età : 46
Località : Trento

Re: Il segreto dei cinesi

Messaggio Da karme70 il Mar Feb 28, 2017 3:14 pm

Continuano a spostare le "fabbriche del mondo" ed intanto aumenta l'inquinamento globale dovuto al trasporto di merci finite da migliaia di km di distanza


_________________________

Contenuto sponsorizzato

Re: Il segreto dei cinesi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Dom Set 24, 2017 2:28 pm